In primo piano
Home / Dubai cosa vedere / Bur Dubai
Bur Dubai
Bur Dubai, il quartiere storico della città

Bur Dubai

Se dopo aver visto la Dubai da cartolina, quella in cui l’impensabile è realtà, volete conoscerne il lato più autentico organizzate un giro nel quartiere storico della città, Bur Dubai, ovvero la vecchia Dubai.

Qui potrete vedere l’anima della vera Dubai, quella fatta – da una parte – di edifici tradizionali e di gente modesta, di vita quotidiana e storia e – dall’altra – di residence di lusso, centri direzionali e finanziari e uomini in giacca e cravatta: insomma, il motore che sta sotto alla Dubai da sogno si trova proprio qui, in una riuscita armonia fra un passato, fatto di semplicità, e un presente, frutto di investimenti e sapienti manovre economiche.

Bur Dubai è un quartiere situato sul lato occidentale del Dubai Creek (di fronte a Deira); dal 2008, la zona è stata interessata da dei lavori di alta ingegneria che hanno portato Bur Dubai a essere oggi un’isola.

Il Dubai World Trade Center (DWTC) è il principale edificio commerciale e finanziario non solo della zona, ma dell’intera regione: realizzato con la massima cura per ogni dettaglio, occupa una superficie di un milione di mq su 39 piani e, non a caso, è annoverato come uno degli edifici business di maggior prestigio al mondo, con una stima di 2.2 milioni di visitatori all’anno e decine e decine di meeting internazionali ogni anno.

Dal profano al sacro, il passo è breve a Bur Dubai: la Grand Mosque si trova nei pressi del tempio Hindu ed è il luogo di culto più importante della città.

Costruita agli inizi del Novecento, demolita e ricostruita nel 1960, la moschea che ci appare dinanzi ai nostri occhi è stata ristrutturata nel 1998 e, visto che non è visitabile ai non musulmani, conviene ammirare per bene l’esterno: dai suoi 70 metri, il minareto (che secondo alcuni è a forma di faro) domina il paesaggio ed è praticamente impossibile non perdere alcuni minuti a naso in su; completano la struttura ben 45 cupole di piccole dimensioni 9 di grandi; infine, gli esterni sono di color sabbia-grigi.

Fra le zone di Bur Dubai che vale la pena vedere, c’è sicuramente Al Shindafgha, una delle più antiche e allo stesso tempo caratteristiche: lasciatevi irretire dai suoi colori e dai suoi rumori, dai suoi profumi e dal fascino che emanano le sue strade… ma, accanto alla normalità e alla vita di tutti i giorni, non farete fatica a trovare quella che è stata la casa dello Sceicco Saeed Al Maktoum, uomo politico che ha scritto la storia di Dubai dal 1912 al 1958: semplice, ma allo stesso tempo molto elegante, dopo un periodo di degrado, la casa è stata restaurata e, dal 1986, ospita un museo dove – tramite foto, francobolli, illustrazioni, lettere e trattati – si racconta la Dubai di ieri, quella in cui non c’era il petrolio.

Non possiamo certo lasciare Bur Dubai prima di aver visitato Al Bastakiya, una delle zone più genuine della città che, con numerose difficoltà, è riuscita a conservare i suoi vecchi edifici e a non farsi travolgere dalla modernità che impera a Dubai; Al Bastakiya è considerata a tutti gli effetti la “capitale” culturale di Dubai. Infatti, in case e strutture d’epoca che ancora riflettono un passato di sfarzo e agiatezza dei suoi proprietari, oggi troviamo ben integrati cafè e locali, negozi e boutique, tutti rispettosi dell’architettura di ieri.

Una peculiarità di questi edifici sono i Barjeel, le ingegnose torri del vento considerate, a buon diritto, le antenate dei nostri condizionatori d’aria: alte e strette avevano il compito di incanalare le fresche brezze d’aria e farle arrivare agli ambienti interni dell’edificio, di modo da rinfrescarli.

Ad Al Bastakiya c’è anche il Diwan Building, noto anche come Palazzo del Sovrano, sede del principale organo amministrativo del governo di Dubai. Non farete fatica a notarlo: è un palazzo imponente, bianco, da cui si alzano le torri del vento in un aspetto decisamente elegante e solenne, adatto per l’importanza del luogo. Inoltre, qui dentro c’è anche l’ufficio privato del sovrano di Dubai.

A pochi passi dal Diwan Building, nel Forte Al Fahidi (XVIII secolo), c’è il Museo di Dubai che è il principale sito culturale della città: inaugurato nel 1971, il museo narra lo stile di vita più tradizionale di Dubai e, per farlo, non manca di utilizzare interessanti diorami e di esporre manufatti e reperti di località africane e asiatiche che intrattenevano commerci con Dubai. Preparatevi a vedere oggetti che risalgono anche a 5000 anni fa e, soprattutto, a rimanere stupiti sulla crescita in tempi record di questa città: di strada ne ha fatta Dubai da quando i suoi cittadini abitavano in case con foglie di palma e si muovevano su barche a vela e daghe ricurve!

Mappa: cosa vedere nelle vicinanze

 

  • Dubai Creek

    Dubai Creek - Dubai - United Arab Emirates
    1.9km
  • Wafi Mall, Dubai

    Oud Metha Rd - Dubai - United Arab Emirates
    2.3km
  • Dubai Mall

    Financial Centre Road - Downtown Dubai - Dubai - United Arab Emirates
    3.0km
  • Burj Khalifa, Dubai

    1 Sheikh Mohammed bin Rashid Blvd - Dubai - United Arab Emirates
    3.5km
 
  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

X
- Enter Your Location -
- or -
Viaggio a Dubai.it

Viaggio a Dubai